CASE STUDY

Tangible, Feedback e sicurezza psicologica in un’azienda di design

Il feedback e la sicurezza psicologica per favorire l’evoluzione dell’organizzazione e il benessere delle persone

Feedback

Abbiamo lavorato con

0

persone

Cosa facciamo

Le nostre attività hanno avuto impatto

sull'intera azienda

Azienda in evoluzione: crescita aziendale e lavoro da remoto

Tangible è un’azienda di design, giovane, flessibile e poco gerarchica. E’ un’azienda in evoluzione che sta assistendo al cambiamento della modalità di lavoro e di comunicazione per due fattori:

  • l’importante crescita aziendale, che comporta la necessità di una riorganizzazione dei processi;
  • l’impatto del lavoro da remoto che incide sulle interazioni tra le persone e che richiede una maggiore attenzione rispetto alla qualità delle relazioni.

Con la crescita aziendale e del lavoro da remoto, la necessità di avere un linguaggio comune e un clima di sicurezza psicologica, è essenziale per il cliente affinché tutti possano esprimersi e scambiare feedback anche sugli aspetti negativi.
Alcuni collaboratori conoscevano già Agile e un obiettivo dell’intervento era diffondere il linguaggio al resto dell’azienda.

Contesto iniziale

  • Forte crescita aziendale
  • Lavoro in team da remoto
  • Difficoltà nel raccogliere feedback dal cliente e dai colleghi

Necessità del cliente

  • Formazione sui principi e sulle metodologie agili per allineare tutti i collaboratori
  • Diffusione e uso di un linguaggio comune in azienda
  • Maggiore maturità dei collaboratori
  • Promozione di un clima di sicurezza psicologica, affrontando anche la barriera del lavoro da remoto 
  • Promozione di un clima idoneo in cui le persone possono esprimersi, anche comunicando aspetti o feedback negativi 
  • Raccogliere feedback dal cliente

Formazione agile, sicurezza psicologica, feedback e OKRs

Feedback in Tangible

Marco Calzolari e Beatrice Bottini hanno accompagnato i collaboratori dell’azienda nella formazione sull’introduzione ad Agile: dai valori e principi del manifesto alla Business agility fino all’attività pratica su Kanban. Utilizzando il metodo Training from the back of the room, che abbatte il muro della formazione frontale, le persone hanno fatto attività pratiche su Scrum e poi gli Agile coach ne hanno spiegato la teoria. Le due giornate di formazione hanno favorito la diffusione delle conoscenze sull’agilità e di un linguaggio comune.

La seconda parte dell’intervento si è concentrata sulla sicurezza psicologica, sviluppata su due workshop. 

La terza parte ha visto il tema del feedback protagonista. Grazie ad un percorso formativo che ha previsto un mix di lezioni frontali, esercitazioni esperienziali sotto forma di simulazioni e giochi di ruolo, ideati e testati da Agile Reloaded, i professionisti coinvolti hanno potuto sperimentare il feedback positivo e negativo e comprendere come esprimerlo in modo costruttivo ed efficace. Durante la prima giornata si è approfondita la parte più teorica sul feedback, provandolo subito con simulazioni al fine di comprenderne il significato ed il potenziale.

La simulazione del feedback positivo e negativo, avvenuta nella seconda giornata, ha introdotto la Finestra di Johari, che ha aiutato ad ampliare la mappa concettuale del gruppo di lavoro con  tutti i punti di vista presenti all’interno di un team: impatto su chi da’ feedback, su chi lo riceve e sull’intera organizzazione.

Gli Agile coach hanno, infine, aiutato nella definizione degli OKRs per il piano d’azione: l’implementazione di un programma ad hoc per lo sviluppo della cultura del feedback. 

L’aspirazione del cliente è infatti favorire una cultura del feedback, facendolo diventare un processo volto sia al miglioramento continuo dei collaboratori e dell’azienda che alla generazione di maggiore valore per il cliente finale.

Step del percorso

1

Formazione sull’introduzione ad Agile

2

Workshop sulla sicurezza psicologica

3

Formazione esperienziale sul feedback

4

Definizione degli OKRs per implementare la cultura del feedback in azienda

Risultati ottenuti

  • Linguaggio e conoscenza diffusa sui principi, valori e metodologie Agile
  • Rafforzamento delle conoscenze su Agile per chi già le aveva incontrate
  • Inizio del percorso sulla sicurezza psicologica 
  • Consapevolezza di come dare un feedback 
  • Abitudine al feedback come strumento nella quotidianità  
  • Dialogo costruttivo con i colleghi grazie ad una maggiore percezione di sé e di ascolto dell’altro
  • OKRs annuali per implementare la cultura del feedback fino a farlo diventare un processo ad hoc

Scarica il pdf del case study

Compila il form e riceverai un’email con il file pdf da scaricare.

    Case STUDY

    Le nostre esperienze

    Ecco alcune delle storie di chi si è affidato ad Agile Reloaded.